Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Ecomuseo del Freidano

Martedì, 10 Marzo 2015

Ecomuseo del Freidano

Dai primi anni Ottanta del Novecento la Città di Settimo Torinese è stata laboratorio di approfondite ricerche archeologico-industriali che hanno portato all’ideazione di un progetto di Ecomuseo intitolato al Rio Freidano - storico corso d'acqua del territorio - riconosciuto istituzionalmente nel 1999 dalla Regione Piemonte (ex L.R. 31/1995).

Quale nucleo centrale dell’Ecomuseo del Freidano è stato individuato il Mulino Nuovo di Settimo Torinese: un complesso molitorio ottocentesco completamente recuperato ad uso pubblico a partire dal 1996. All’interno del suo maestoso silos è stato allestito un Museo Etnografico (inaugurato nel 2002), dove sono state ricreate, anche attraverso l'utilizzo di sistemi interattivi e multimediali, le atmosfere e i luoghi del lavoro, esaltando le diverse caratteristiche di oggetti e cicli di lavorazione.
Il bisogno di dare visibilità allo sviluppo cronologico di un territorio relativamente complesso, ha fatto sì che l'attenzione dall’Ecomuseo del Freidano propriamente detto si integrasse, col tempo, con un più articolato disegno museale denominato "Ecotempo", intendendo l'intera città come un "museo del tempo e dello spazio". Il progetto ha visto la realizzazione del Parco dell'energia presso il Mulino Nuovo (nel 2012) e la realizzazione di itinerari che si integrano nella città e con il territorio extraurbano attraverso l'installazione di circa 60 punti informativi che raccontano la storia del luogo. Allo stesso tempo sono stati realizzati altri punti nella città in cui raccontare la sua storia cocentrandosi, soprattutto, sui luoghi del lavoro e sulle trasformazioni urbane dovute al periodo postindustriale. Tassello importante di questo percorso è il recupero della memoria della fabbrica di vernici Paramatti che trova spazio nell'allestimento permanente "Archimatti & Paramede. La biblioteca dopo la fabbrica" (ospitato dal 2013 presso la Biblioteca Archimede) e l'allestimento di archeologia industriale presso la sede ecomuseale con il recupero delle caldaie appartenute alla fabbrica.
Presso la sede del Mulino Nuovo, oltre agli allestimenti museali permanenti, Fondazione ECM cura progetti di ricerca, pubblicazioni e mostre sui temi ecomuseali, organizza attività didattiche per le scuole e le famiglie, incontri ed eventi culturali e promuove la rassegna di mostre "Eco d'Arte e Cultura" per attività espositve temporanee che coinvolgono artisti e associazioni interessate.

Ecomuseo del Freidano, Via Ariosto 36/bis
Tel. 011/8028716
Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per ulteriori informazioni visita il sito